Articles

Che odore hanno le persone anziane?

Migliore risposta

Non posso parlare a nome di tutte le persone anziane, ma molte persone anziane hanno problemi di mobilità e non possono muoversi bene quanto i giovani . Hanno difficoltà a piegarsi in certe posizioni, quindi non possono pulirsi. Spesso gli anziani più anziani non possono entrare e uscire da una vasca da bagno da soli, chi ha scarso equilibrio, o potrebbe temere di cadere o scivolare. Le cadute sono cose orribili che possono accadere a queste persone Non è difficile scivolare in una vasca da bagno per uscire per le persone quando riescono a malapena a sollevare la gamba abbastanza in alto da farla superare il bordo della vasca senza contare il sollevamento del peso corporeo una posizione eretta quando è in basso nella vasca. Quindi perché se hanno paura si limitano a lavarsi nel lavandino che non fa un lavoro adeguato se hanno anche problemi di mobilità e non possono raggiungere tutti i posti per pulire. Questo è per tutti i normali odori corporei. Se aggiungi lincontinenza alla situazione, si intensifica rapidamente. Non hanno attrezzature adeguate come pannolini per adulti o del tipo sbagliato e non li cambiano abbastanza spesso perché lo considerano troppo costoso o si siederanno con indumenti bagnati e saranno su una sedia e tutta lurina passerà attraverso e penetrare nella sedia o nel tessuto del divano. Molte volte qualcuno negherà di essere Incontinente, quindi non ripulire correttamente nemmeno dopo gli incidenti, quindi abbiamo un sacco di cose che accadono che faranno sì che non abbiano un odore troppo freash e puliscano le margherite spesso mettendo i vestiti impregnati di urina di nuovo perché ora sono asciutti, quindi sembra che sia ok. Ora i mobili odorano e peggio se si tratta di un materasso. Questo succederà e succederà e lintero posto puzza e anche con vestiti puliti con un divano sporco e fa di nuovo i vestiti puzzolenti. . È orribile per gli anziani ammettere o rendersi conto di essere Incontinente, quindi non vogliono dirlo a qualcuno o ottenere attrezzature adeguate come i pannolini e useranno solo uno straccio o un panno arrotolato. Diventa anche peggio. Alla faccia degli “anni doro”, giusto?

Risposta

Risposta breve : Cultura e biologia dellolfatto umano sono probabilmente inestricabili. La biologia dellolfatto umano ha due componenti essenziali, lemettitore e il ricevente. Il contributo dellemettitore, lodore corporeo, è una combinazione di genetica, ghiandole, microbiota e dieta. Lodore percepito dipende dalla falange dei recettori odoranti (OR) di un individuo. Non sorprende che sia lodore che la sua percezione variano ampiamente da individuo a individuo in aspetti essenziali, vale a dire forza e qualità dellodore e soglia, intensità e qualità di rilevamento dellodore.

Risposta più lunga : la storia dellolfatto può essere esplorata non solo attraverso una lente biologica ma anche culturale. Per la maggior parte della storia umana, gli odori pervasivi hanno fatto parte della vita quotidiana. Ora molti odori si sono rapidamente e completamente vaporizzati dalla vita quotidiana, almeno per le moltitudini urbane e suburbane dei paesi industrializzati. Sebbene sia accaduto piuttosto rapidamente, è sorprendente come un cambiamento così drammatico sia passato inosservato. Forse perché gli odori non possono essere commemorati e trasmessi intergenerazionalmente, a differenza della memoria visiva che ci raggiunge dal passato attraverso pitture rupestri, ritratti, dageurrotypes, foto, video e ora instagrammi. Leconomista Robert J. Gordon scrive,

“Come già visto, la vita urbana nel 1870 era dominata dallonnipresente cavallo, e questo, anche, aveva un aspetto di salute. Il cavallo medio produceva quotidianamente dai venti ai cinquanta libbre di letame e un gallone di urina, applicati senza ritegno alle stalle e alle strade. La quantità giornaliera di letame era compresa tra le cinque e le dieci tonnellate per miglio quadrato “(1).

Quanto erano diffusi lurina e lodore di cacca di cavallo in quel mondo non troppo lontano? Probabilmente estremamente, anzi probabilmente sbalorditivo.

“” Nella città geograficamente compatta di Boston nel 1870, 250.000 cittadini condividevano le strade con 50.000 cavalli. La densità dei cavalli a Boston era di circa 700 per miglio quadrato “(1).

La moderna ventilazione, le tubature interne, lelettricità hanno eliminato gli odori che altrimenti sarebbero stati i pilastri della storia umana. È facile dare per scontati questi elementi fondamentali della vita del XX secolo. Eppure sono stati la norma solo per meno di un secolo. Di conseguenza, gli odori del nostro corpo possono ora dominare in una misura impossibile prima. Interessante considerare poi se la loro rapida stigmatizzazione sia una conseguenza della loro ritrovata preminenza o qualcosa di più invidioso, una richiesta impossibile derivante da un bisogno patologico di sottomettere il biologico al meccano-chimico. Ottenere il primato sui nostri dintorni è una cosa. Questo processo sta ora estendendo il suo mandato e si sta insinuando nel dominio della biologia individuale, aiutato abilmente e ampiamente da coloro i cui interessi economici sono investiti nel farci acconsentire a tale feticizzazione dellodore? Mi chiedo spesso mentre vedo lennesimo annuncio sugli eliminatori di odori da interni.

Alcune persone sono più puzzolenti di altre?Indagare la base biologica della domanda “la premessa rivela lodore” è una storia a due facce composta dallodore “s emettitore e destinatario . Il risultato dipende da entrambi. Lho imparato senza mezzi termini da unesperienza marcatamente puzzolente per me ma non per gli altri. Un laboratorio passato aveva un collega che non potevo sopportare di essere in giro non per qualunque cosa mi facessero tranne che per il loro odore, per me un odore distinto di sudore di lunga data e non lavato. Ad alcuni dei miei altri colleghi? Nessun problema. Come si combinano emettitore e destinatario per produrre tali variazioni nella percezione dellolfatto?

Emettitore di odori . Lodore del corpo è in gran parte una combinazione di genetica , attività ghiandolare , microbiota e dieta . Manifestato come composti organici volatili ( VOC ), le fonti sono sangue, alito, feci, capelli , pelle, cuoio capelluto, sudore, urina, secrezioni vaginali ( 2 ). Il sangue è una fonte perché molti COV metabolici secreti nel sangue si fanno strada nellambiente sotto forma di respiro e / o sudore.

  • Genetica . Il gene ABCC11 codifica per una pompa pilotata da ATP. Gli individui omozigoti per un polimorfismo a singolo nucleotide (SNP) 538G> A nel gene ABCC11 hanno odori di sudore più deboli dellascella (ascellare) ( 3 , 4 , 5 ). Prevalentemente negli asiatici dellEstremo Oriente che producono anche cerume secco e bianco in contrasto con il cerume giallo e umido dominante nel resto della popolazione umana globale ( 6 ; vedere figura sotto da 7), questo SNP contribuisce a una perdita di funzione di questa proteina di trasporto. Sebbene ABCC11 non sia lunico responsabile delle variazioni di COV nelluomo ( 8 ), uno studio su circa 17000 individui ( 9 ) hanno mostrato che i genotipi AA erano 5 volte più rappresentati nel gruppo sperimentale che non utilizzava quasi mai deodoranti. Lodore del corpo umano è anche profondamente influenzato dai polimorfismi in un altro gene, la gamma-glutamil-tranferasi 1 (GGT1) ( 10 ). La mappatura delle variazioni genetiche nei COV è ancora agli inizi.

  • Ghiandole . I COV sono secreti principalmente da 3 tipi di ghiandole: Eccrine , Sebacee , Apocrine (11). Sono distribuiti in modo differenziale in tutto il corpo, motivo per cui gli odori distinti sono associati a parti del corpo diverse ( 12 ). Le ghiandole eccrine e sebacee sono ampiamente distribuite in tutto il corpo . Concentrate su mani e piedi, le ghiandole eccrine sono più abbondanti e producono sudore inodore. Concentrate nelle ascelle e nei genitali, le ghiandole apocrine secernono lipidi, proteine ​​e steroidi. La maggior parte concentrate sulla testa, le ghiandole sebacee secernono sebo e lipidi. le diverse secrezioni di queste ghiandole creano diverse nicchie che supportano la crescita di diversi microbi associati alla pelle ( 13 ).
  • Microbiota . Molto variabile tra gli individui ( 14 , 15 ), il microbiota cutaneo influenza fortemente gli odori del corpo umano ( 16 , 17, 18 Nel 1953, Shelley e Hurley ipotizzarono ar I microbi che vivono nella fossa di m hanno contribuito a distinti odori di sudore umano ( 19 ). Naturalmente ora numerosi studi hanno collegato specifiche componenti dellodore ascellare con una fauna microbica specifica (20, 21 , 22, 23). Le differenze di odore corporeo tra gli individui possono quindi essere il risultato di diversi microbi che abitano la pelle ( 24 ). Ad esempio, la presenza di microbi specifici è collegata al sudore che attrae le zanzare ( 18 ). Inoltre, i VOC maleodoranti provenienti dalle fosse delle braccia sono principalmente dovuti a corinebatteri lipofili (25, 26 , 27).
  • Dieta influenza lodore umano. Ad esempio, la carne rossa induce un sudore ascellare più intenso e sgradevole ( 28 ). Uno studio sul campo in Burkina Faso ha rilevato che la birra, non lacqua, aumenta lattrattiva umana verso Anopheles gambiae , il principale vettore della malaria in Africa ( 29 ). Gli odori corporei dei volontari che bevevano birra aumentavano lattivazione delle zanzare e la percentuale di zanzare che volavano verso i loro odori. Ancora una volta, i primi tempi per capire come la dieta influisce sulla produzione di COV.

Malattie associate a Malodor

Riportate lungo tutta la storia dagli antichi racconti indiani a William Shakespeare ( 30 ), pazienti con la sindrome da cattivo odore da pesce o Trimetilaminuria ( TMA ) secernono più del normale livelli di trimetilammina nelle urine, nel respiro e nel sudore, che provocano un evidente odore corporeo e orale sgradevole ( 31 ). Incapacità di N-ossidare la trimetilamina, questa malattia genetica è presente in circa l1\% della popolazione con una percentuale maggiore nelle donne (32, 33). La flavina epatica monoossigenasi, in particolare FMO3, è lenzima che ossida la TMA. I pazienti affetti da TMA hanno una differenza tra lassunzione alimentare di TMA e la capacità del fegato di elaborarla. Di conseguenza, la TMA si accumula nelle urine, nel sudore e nel respiro. La predisposizione genetica varia da forme primarie a forme meno gravi in ​​cui la manifestazione si basa su una combinazione di disfunzione genetica, dieta e fattori ambientali. Il grado di disfunzione genetica dipende dal grado in cui le mutazioni inattivano il gene FMO3. La TMA transitoria è associata alle mestruazioni (34), alla dieta (35) o alla crescita specifica dei microbi intestinali ( 36 ).

Anche altre malattie come disturbi metabolici ereditari, tumori e malattie infettive possono causare cattivi odori (vedere le tabelle seguenti da 2 ).

Tali odori specifici della malattia sono la base per lutilizzo di ratti e cani giganti per fiutare (diagnosticare) la tubercolosi e il cancro (37, 38, 39 , 40 ).

Odore destinatario . Larte e la letteratura commemorano giustamente i nostri ricordi associati agli odori poiché sono tra i nostri più forti ( 41 ). Proprio come in Ratatouille (film) , il piatto di Remy trasporta senza sforzo Anton Ego, il critico gastronomico, alla sua infanzia rurale e alla versione di sua madre piatto, così come lodore di una madeleine imbevuta di tè fa tornare Marcel Proust in un viaggio nel tempo a Alla ricerca del tempo perduto (42). Gli odori sono molto più efficaci di altri sensi nellinnescare ricordi emotivi che questo è anche chiamato il fenomeno di Proust ( Memoria involontaria ) ( 41 )

Possiamo sentire odori perché il nostro recettori olfattivi ( OR ) sui neuroni sensoriali olfattivi ( OSN ) li rileva chimicamente. Questo avvia una sequenza neurale che si estende al cervello. Come per il resto della biologia, la percezione dellolfatto varia notevolmente tra gli individui in termini di soglia di rilevamento, intensità e qualità. Anche ereditabile, varia dalla sensibilità allolfatto iperacuta a iposmia (sensibilità notevolmente ridotta a un odore) a anosmia (odore-cecità).

Lolfatto e il gusto sono indissolubilmente legati perché “ annusiamo respirando ” e “ gusto espirando, attraverso lolfatto retronasale ” ( 43 ). Una profonda perdita in termini di gioia, accompagnata da rabbia e isolamento, accompagna la perdita dellolfatto. A differenza della cecità e della sordità, questa è tristemente sottovalutata dalla società.

Gli SNP in un solo gene OR possono cambiare drasticamente sia la percezione dellodore che del sapore ( 44 , 45 ).

  • Basse concentrazioni di androstenone, un derivato del testosterone abbondantemente prodotto dai suini maschi, è stimato non annusato da circa il 50\% degli esseri umani e descritto come muschiato, sudato, dolce, urinoso o vanigliato da coloro che can ( 46 ). Clonando ed esprimendo individualmente> 300 Ors, Keller et al. Ne hanno identificato uno singolo, OR7D4, con una forte risposta sia allandrostenone che al suo derivato strutturalmente correlato, androstadienone ( 47 ). Sequenziando OR7D4 da 391 individui, hanno identificato 4 aplotipi di cui due avevano una funzione quasi completamente compromessa.
  • 23andMe ha intervistato ~ 10000 persone per “ anosmia da asparagi “( 48 ). La maggior parte delle persone espelle un metabolita solforoso dopo aver mangiato gli asparagi, ma lodore è molto variabile ( 49 ). Tra i 10 geni OR associati a questa anosmia, hanno trovato 2 SNP allinterno o intorno a ORM27 come i più strettamente associati.
  • 23andMe ha anche mappato la percezione del coriandolo come “ saponoso ” a un gruppo OR (50). Sfortunatamente non hanno completato il ciclo scientifico convalidando questi OR funzionalmente per lanosmia di asparagi e coriandolo, rispettivamente, quindi gli OR specifici collegati a queste anosmie rimangono ancora non identificati.

Bibliografia

1. Estratto da: Robert J. Gordon.” The Rise and Fall of American Growth: The US Standard of Living since the Civil War (The Princeton Economic History of the Western World) “. Riferimento ai dati originali:” Greene, Ann Norton. (2008). Horses at Work: Harnessing Power in Industrial America. Cambridge, MA: Harvard University Press “.

2 . Shirasu, Mika e Kazushige Touhara. “Il profumo della malattia: composti organici volatili del corpo umano correlati a malattie e disturbi.” Journal of biochemistry 150.3 (2011): 257-266. http://dogs4diabetics.com/wp-content/uploads/2013/11/The-Scent-of-Disease-J-Biochem-2011-Shirasu-257-66.pdf

3. Preti, George e James J. Leyden. “Influenze genetiche sullodore del corpo umano: dai geni al axillae. “Journal of Inve Dermatologia stigativa 130.2 (2010): 344-346. http://ac.els-cdn.com/S0022202X1534687X/1-s2.0-S0022202X1534687X-main.pdf?\_tid=3b75234e-f556-11e5-a4e4-00000aab0f27&acdnat=1459218821\_5f0d625c6e230147aea86145023da525

4. Martin, Annette, et al. “Un allele ABCC11 funzionale è essenziale nella formazione biochimica dellodore ascellare umano”. Journal of Investigative Dermatology 130.2 (2010): 529-540. http://ac.els-cdn.com/S0022202X15346832/1-s2.0-S0022202X15346832-main.pdf?\_tid=bed72962-f556-11e5-92bd-00000aacb361&acdnat=1459219042\_bf483e9edbc456c63e9f9d8387b4f3a6

5. Kippenberger, Stefan, et al. “” Nosing Around “la pelle umana: quali informazioni sono nascoste nellodore della pelle ?.” Dermatologia sperimentale 21,9 (2012): 655-659. http://onlinelibrary.wiley.com/doi/10.1111/j.1600-0625.2012.01545.x/epdf

6. Toyoda, Yu, et al. “Cerume, osmidrosi e cancro al seno: perché un SNP (538G> A) nel gene del trasportatore ABC umano ABCC11 determina il tipo di cerume ?.” The FASEB Journal 23.6 (2009): 2001-2013. perché un SNP (538G> A) nel gene del trasportatore ABC umano ABCC11 determina il tipo di cerume?

7. Natsch, Andreas. “Ciò che ci fa annusare: la biochimica dellodore corporeo e il design di nuovi ingredienti deodoranti”. CHIMIA International Journal for Chemistry 69.7 (2016): 414-420.

8. Prokop-Prigge, Katharine A., et al. “Leffetto delletnia sulla produzione di odori ascellari nelluomo”. Giornale di ecologia chimica 42.1 (2016): 33-39. https://www.researchgate.net/profile/Charles\_Wysocki/publication/285620537\_The\_Effect\_of\_Ethnicity\_on\_Human\_Axillary\_Odorant\_Production/links/56643c6e08ae15e74632cdb8.pdf

9. Rodriguez, Santiago, et al. “Dipendenza delluso del deodorante dal genotipo ABCC11: possibilità di una genetica personalizzata nelligiene personale”. Journal of Investigative Dermatology 133.7 (2013): 1760-1767. http://ac.els-cdn.com/S0022202X15363259/1-s2.0-S0022202X15363259-main.pdf?\_tid=e7d47a4e-f557-11e5-af40-00000aab0f6c&acdnat=1459219540\_6b158dbf1ae0ff0ff8c4a9df3bfe59be

10. Baumann, Tim, et al. “I sulfanilalcanoli coniugati con glutatione sono substrati per ABCC11 e γ ‐ glutamil transferasi 1: un nuovo potenziale percorso per la formazione di precursori odoranti nella ghiandola sudoripare apocrina”. Dermatologia sperimentale 23.4 (2014): 247-252. http://onlinelibrary.wiley.com/doi/10.1111/exd.12354/epdf

11. Noël, Fanchon, et al. “Pelle sudata, background e valutazioni”. Rivista internazionale di dermatologia 51.6 (2012): 647-655.

12. Smallegange, Renate C., Niels O. Verhulst e Willem Takken. “Pelle sudata: un invito a mordere?” Trends in parassitology 27.4 (2011): 143-148. https://www.researchgate.net/profile/Niels\_Verhulst/publication/49775417\_Sweaty\_skin\_an\_invitation\_to\_bite/links/02bfe5100e9e364fd6000000.pdf

13. Dormont, Laurent, Jean-Marie Bessière e Anna Cohuet. “Volatili della pelle umana: una recensione.” Giornale di ecologia chimica 39,5 (2013): 569-578. https://www.researchgate.net/profile/Anna\_Cohuet/publication/236328352\_Human\_Skin\_Volatiles\_A\_Review/links/00b49519ca782eb63f000000.pdf

14. Fierer, Noah, et al. “Linfluenza del sesso, della manualità e del lavaggio sulla diversità dei batteri sulla superficie delle mani”. Atti della National Academy of Sciences 105.46 (2008): 17994-17999. http://www.pnas.org/content/105/46/17994.full.pdf?sid=1e37a501-a449-4d07-847a-e36ccda45acc

15. Grice, Elizabeth A., et al. “Diversità topografica e temporale del microbioma della pelle umana”. scienza 324.5931 (2009): 1190-1192. http://www.uniroma2.it/didattica/Genomica\_BTI/deposito/Grice\_skinmicrobioma.pdf

16. Verhulst, Niels O., et al. “Attrazione differenziale delle zanzare della malaria per miscele volatili prodotte dai batteri della pelle umana”. PLoS One 5.12 (2010): e15829. Attrazione differenziale delle zanzare della malaria a miscele volatili prodotte da batteri della pelle umana

17. Verhulst, Niels O., et al. “Il microbiota della pelle umana e le sue sostanze volatili come esche odorose per la zanzara della malaria Anopheles gambiae ss”. Entomologia Experimentalis et Applicata 139.2 (2011): 170-179.

18. Verhulst, Niels O., et al. “La composizione del microbiota della pelle umana influisce sullattrattiva per le zanzare della malaria”. PloS one 6.12 (2011): e28991. La composizione del microbiota della pelle umana influisce sullattrattiva delle zanzare della malaria ).

19. Shelley, Walter B. e Harry J. Hurley. “La fisiologia della ghiandola sudoripare ascellare apocrina umana”. Journal of Investigative Dermatology 20.4 (1953): 285-297. http://ac.els-cdn.com/S0022202X15484155/1-s2.0-S0022202X15484155-main.pdf?\_tid=619345e8-f54b-11e5-a4e3-00000aab0f27&acdnat=1459214161\_089efe151d68acc025ce9a2199248b77

20. Taylor, D., et al. “Caratterizzazione della microflora dellascella umana.” Rivista internazionale di scienza cosmetica 25.3 (2003): 137-145.

21. James, A. G., et al. “Metabolismo degli acidi grassi da parte dei batteri cutanei e suo ruolo nel cattivo odore ascellare”. World Journal of Microbiology and Biotechnology 20.8 (2004): 787-793. Metabolismo degli acidi grassi da parte dei batteri cutanei e suo ruolo nel cattivo odore ascellare

22. James, A. G., D. Hyliands e H. Johnston. “Generazione di acidi grassi volatili da batteri ascellari1.” Rivista internazionale di scienza cosmetica 26.3 (2004): 149-156.

23. Natsch, Andreas, et al. “Unampia diversità di acidi carbossilici volatili, rilasciati da unamminoacilasi batterica dalle secrezioni ascelle, come molecole candidate per la determinazione del tipo di odore del corpo umano”. Chimica e biodiversità 3.1 (2006): 1-20.

24. Penn, Dustin J., et al. “Impronte digitali individuali e di genere nellodore del corpo umano”. Interfaccia Journal of the Royal Society 4.13 (2007): 331-340. http://evolution.anthro.univie.ac.at/institutes/urbanethology/resources/articles/articles/publications/RSIF20060182p.pdf

25. Natsch, A., et al. “Isolamento di un enzima batterico che rilascia cattivo odore ascellare e suo utilizzo come bersaglio di screening per nuove formulazioni di deodoranti1.” Rivista internazionale di scienze cosmetiche 27.2 (2005): 115-122.

26. Barzantny, Helena, Iris Brune e Andreas Tauch. “Basi molecolari della formazione degli odori del corpo umano: intuizioni dedotte dalle sequenze del genoma dei corinebatteri”. Rivista internazionale di scienze cosmetiche 34.1 (2012): 2-11. https://www.researchgate.net/profile/Helena\_Barzantny2/publication/51522483\_Molecular\_basis\_of\_human\_body\_odour\_formation\_insights\_deduced\_from\_corynebacterial\_genome\_sequences\_Int\_J\_Cosmet\_Sci/links/54bf9ae20cf2f6bf4e050438.pdf

27. Barzantny, Helena, et al. “La rete di regolazione trascrizionale di Corynebacterium jeikeium K411 e la sua interazione con le vie metaboliche che contribuiscono alla formazione di odori del corpo umano”. Journal of biotechnology 159.3 (2012): 235-248.

28. Havlicek, Jan e Pavlina Lenochova. “Leffetto del consumo di carne sullattrattiva degli odori corporei”. Sensi chimici 31,8 (2006): 747-752. Leffetto del consumo di carne sullattrattiva dellodore corporeo

29. Lefèvre, Thierry, et al. “Il consumo di birra aumenta lattrazione umana per le zanzare della malaria”. PloS one 5.3 (2010): e9546. Il consumo di birra aumenta lattrattiva umana nei confronti delle zanzare della malaria

30. Mitchell, S. C. e R. L. Smith. “Trimetilaminuria: la sindrome da cattivo odore di pesce”. Metabolismo e disposizione dei farmaci 29.4 (2001): 517-521. La sindrome di Fish Malodor

31. Calenic, Bogdan e Anton Amann. “Rilevazione di composti volatili maleodoranti nel respiro: attuali tecniche analitiche e implicazioni nella malattia umana”. Bioanalisi 6.3 (2014): 357-376. https://www.researchgate.net/profile/Bogdan\_Calenic/publication/259958649\_Detection\_of\_volatile\_malodorous\_compounds\_in\_breath\_Current\_analytical\_techniques\_and\_implications\_in\_human\_disease/links/54c4a1030cf219bbe4ef212b.pdf

32. Al-Waiz, Makram, et al. “Un polimorfismo genetico della N-ossidazione della trimetilammina negli esseri umani.” Farmacologia clinica e terapie 42.5 (1987): 588-594.

33. Zhang, A. Q., S. C. Mitchell e R. L. Smith. “Distribuzione discontinua della N-ossidazione della trimetilammina derivata dalla dieta in una popolazione britannica.” Xenobiotica 26.9 (1996): 957-961.

34. Mitchell, S. C. e R. L. Smith. “Un ruolo fisiologico per la monoossigenasi contenente flavina (FMO3) negli esseri umani ?.” Xenobiotica 40.5 (2010): 301-305; Shimizu, Makiko, John R. Cashman e Hiroshi Yamazaki. “Trimetilaminuria transitoria correlata alle mestruazioni.” BMC Medical Genetics 8.1 (2007): 2. BMC Medical Genetics

35. Etienne, P., et al. “Effetti clinici della colina nella malattia di Alzheimer.” The Lancet 311.8062 (1978): 508-509.

36. Wills, MICHAEL R. e JOHN Savory. “Biochemistry of renal failure.” Annals of Clinical & Laboratory Science 11.4 (1981): 292-299. http://www.annclinlabsci.org/content/11/4/292.full.pdf

37 . Williams, Hywel e Andres Pembroke. “Cani da fiuto nella clinica per il melanoma?”. The Lancet 333.8640 (1989): 734.

38. Church, John e Hywel Williams. “Un altro cane da fiuto per la clinica ?. “The Lancet 358.9285 (2001): 930.

39. Emma Young, Mosaic, 16 febbraio 2016. Gli animali che fiutano TB, cancro e mine antiuomo

40. Kizito Makoye, LiveMint, 29 marzo 2016. Ratti giganti per fiutare la tubercolosi in Tanzania, Mozambico prigioni

41. Toffolo, Marieke BJ, Monique AM Smeets e Marcel A. Van Den Hout. “Proust rivisitato: gli odori come inneschi di ricordi avversi.” Cognizione ed emozione 26.1 (2012) : 83- 92. https://psy.psych.colostate.edu/Research/Fall/article1.pdf

42. Proust, M. (1913). A la Re´cherche du Temps perdu. Parigi, Francia: Bernard Grasset.

43. Bee Wilson, The Guardian, 26 marzo 2016. “Mi è stato detto che la pancetta ha un profumo delizioso” – vita senza lolfatto

44. Menashe, Idan, et al.”Delucidazione genetica delliperosmia umana ad acido isovalerico.” PLoS Biol 5.11 (2007): e284. Chiarimento genetico delliperosmia umana ad acido isovalerico

45. Lunde, Kathrine, et al. “Variazione genetica di un recettore odorizzante OR7D4 e percezione sensoriale della carne cotta contenente androstenone.” PLoS One 7.5 (2012): e35259. Variazione genetica di un recettore odorizzante OR7D4 e percezione sensoriale della carne cotta contenente androstenone

46. Wysocki, Charles J., Kathleen M. Dorries e Gary K. Beauchamp. “La capacità di percepire landrostenone può essere acquisita da persone apparentemente anosmiche”. Atti della National Academy of Sciences 86.20 (1989): 7976-7978. http://www.pnas.org/content/86/20/7976.full.pdf

47. Keller, Andreas, et al. “La variazione genetica in un recettore dellodore umano altera la percezione degli odori”. Nature 449.7161 (2007): 468-472. http://vosshall.rockefeller.edu/reprints/KellerMatsunamiNature07.pdf

48. Eriksson, Nicholas, et al. “Studi basati sul web e guidati dai partecipanti producono nuove associazioni genetiche per tratti comuni”. PLoS Genet 6.6 (2010): e1000993. Studi basati sul Web e guidati dai partecipanti producono nuove associazioni genetiche per i tratti comuni

49. Lison, M., SH Blondheim e RN Melmed. “Un polimorfismo della capacità di annusare i metaboliti urinari degli asparagi.” Br Med J 281.6256 (1980): 1676-1678. http://bioserv.fiu.edu/~biolab/labs/Genetics/genetics\%202009/polymorphism\%20asparagus.pdf

50. Eriksson, Nicholas, et al. “Una variante genetica vicino ai geni del recettore olfattivo influenza la preferenza del coriandolo”. Flavour 1.1 (2012): 22.

Grazie per A2A, Shefaly Yogendra.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *