Articles

Qual è il ' bianco ' città in America?

Migliore risposta

Nel 1980, una piccola città di nome Arab, Alabama, ha rimosso il cartello che diceva “Non sono ammessi neri”. Arab si trova sullautostrada 231, lautostrada che MLK Jr. ha preso per arrivare a Selma. Si scopre che MLK Jr. non è rimasto al 231 attraverso Arab, però; ha esplorato saggiamente questa città in particolare.

Anni dopo, SCI ha cercato di portare in autobus i lavoratori neri [1] nella loro fabbrica araba. Secondo quanto riferito, gli autobus sono stati colpiti e colpiti da colpi di arma da fuoco, e ai dipendenti apparentemente non è piaciuto dover sdraiarsi sul pavimento dellautobus per evitare di essere colpiti. Così si pose rapidamente fine al trasferimento in arabo dei lavoratori neri.

I miei genitori si trasferirono in arabo nel 1986; Allepoca ero al liceo. Cerano poco più di 6.000 residenti nella città, e ognuno di loro era bianco. Ogni. Single. Uno. Nessun indiano da nessuno dei due emisferi [2]. No asiatici. Niente messicani. E, naturalmente, niente neri.

Cerano ancora alcuni sussurri di una legge non scritta per i coloriti [3] che dicevano: “Non lasciare che il sole tramonti su di te in arabo”.

Sono partito per luniversità nel 1989. Uno o due anni dopo aver lasciato, ho sentito che una famiglia locale aveva adottato un bambino che non era completamente bianco. Ci furono brontolii e una o due minacce, ma apparentemente non molti problemi. Alcuni anni dopo, Walmart trasferì un manager al negozio Walmart locale della città. Il manager era un uomo di colore. Dopo che sono state fatte una serie di minacce al negozio e (con Walmart che non era disposto a tirare fuori il collo per aiutare luomo vulnerabile e la sua famiglia), il manager ha dovuto lasciare la città.

Ma non smettere ancora di leggere! Non voglio darti unidea sbagliata sullarabo. In una sola generazione, questo aspetto apparentemente non negoziabile della città è completamente cambiato. Non è più la città più bianca dAmerica ed è riuscita a superare in gran parte quella parte della sua storia. Se togli qualcosa da questa storia, lascia che sia questo: che cè stato un tempo, non molto tempo fa, in cui era perfettamente accettabile giudicare le persone in base a qualcosa di così ridicolo come il colore della loro pelle, e ora una sola generazione o due dopo, non accettiamo più una cosa come normale , anche se non abbiamo ancora eliminato la nostra coscienza collettiva da quella mentalità.

Ho molti bei ricordi del tempo trascorso lì in arabo e molti dei miei amici vivono ancora lì. Le persone che conosco sono persone laboriose, oneste, buone e rispettabili, e hanno aperto le loro case e il loro cuore alla mia famiglia ea me, quando eravamo estranei da una terra lontana (“il Nord”). Tale bontà e decenza è diffusa nel sud, ed è quella parte meravigliosa della natura umana che riscalda sempre il cuore umano e ci dà speranza. Che in una terra di persone così buone, una volta ci fosse la segregazione e una discriminazione così aperta sembra incongruo e vergognoso, ma è meglio giudicare un pellegrino dai suoi progressi, che da dove gli è capitato di iniziare il suo viaggio.

“Larco delluniverso morale è lungo, ma si piega verso la giustizia.” – MLK Jr.

[1] Nel profondo sud, le persone di origine africana erano semplicemente chiamate “nere”. Ad esempio, non esisteva un termine come “afroamericano”. Uso il termine “nero” per trasmettere quel contesto; Spero che la generazione dei miei figli conoscerà queste persone solo con il termine “popolo”.

[2] I nativi americani sono ancora chiamati “indiani” nel sud. Unora a nord di Arab si trova la città di Huntsville, in Alabama, dove la NASA ha progettato e costruito i razzi che hanno portato luomo sulla luna. E non a caso, in una città famosa per i suoi ingegneri, cè una vivace comunità di indiani dallIndia; sono anche chiamati “indiani” nel sud. A volte, questo crea confusione.

[3] Quasi nessuno usa più il termine “coloreds”; ancora una volta, utilizzo il termine qui solo per indicare il contesto. (Cè almeno una parola che trasmetterebbe il contesto in modo più appropriato, ma mi vergognerei di usarla.) Quando vivevo lì, solo pochi dei residenti più anziani si lasciavano sfuggire la parola “coloreds”. Fondamentalmente, significava “chiunque non fosse bianco”, ma questo di solito si traduceva in “neri”, perché nella maggior parte dei casi quella era lunica altra categoria. Oggi, con un afflusso di persone dallAmerica Latina e dallAsia, le cose sono molto meno “bianche e nere”.

Risposta

Ci sono una trentina di sobborghi di Chicago che hanno più di 90 per cento bianco. Sono cresciuto in uno chiamato Mount Prospect e sono andato a scuola in un altro vicino chiamato Arlington Heights. Potresti vivere in uno di questi sobborghi e, a differenza di Harrison, nessuna delle popolazioni dei sobborghi è apertamente razzista. Ciò significa che non dovrai sopportare i mafiosi per vivere tra i bianchi.

Prendi Lake Forest come un altro esempio. Al censimento negli Stati Uniti del 2010 , cerano 19.375 persone residenti nella città. La composizione razziale della città era del 92,11\% White , 1.10\% nero o afroamericano , 4,67\% Asiatico , 0,14\% Nativo americano , 0,01\% Pacific Islander , 0,68\% di qualche altra razza e 1,30\% di due o più gare. Il 2,80\% era ispanico o latino (di qualsiasi razza).

A proposito, questi sobborghi principalmente bianchi hanno alcune delle migliori scuole pubbliche in assoluto del paese. Kozol ne parla nel suo libro Savage Inequality . Quel libro è uscito negli anni 80, ma da allora non è cambiato nulla, ovviamente. Il liceo che ho frequentato ad Arlington Heights, ad esempio, ha costruito una casa da campo da 6 milioni di dollari per latletica solo perché potevano. La scuola ha chiuso alcuni anni dopo la costruzione dellaggiunta. A nessuno importava dello spreco di denaro perché tutti hanno più di quello che sanno con cosa fare. Alcuni potrebbero dire che è ingiusto che alcuni distretti scolastici siano quindici volte più belli o più ricchi di altri. Che cosa mai. È disponibile se vuoi trarne vantaggio, ma per favore stai tranquillo. È ancora una specie di segreto.

Se vuoi cercare alcuni degli altri trenta o più del 90\% di periferie bianche, ecco una mappa per semplificarti la vita: Ricercato sobborgo bianco predominante di Chicago (Tinley Park, Frankfort: quartiere, scuole, reddito)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *